moto-tour-toto-le-moto

E va bene, é ora di scoperchiare la pentola e cominciare a parlare dei mototour che sto allestendo. La racconterò di persona a chi verrá a trovarmi al MotoExpo a Verona al Padiglione 6, area Turismo, dove saró insieme agli amici di OffRoad Passion e Moto Rendez Vous insieme ai quali sto mettendo in piedi proposte di viaggio che vedono il sottoscritto nella veste di Tour Designer e Tour Leader. Siccome Verona non viene proprio comoda a tutti facciamo che intanto vi anticipo due cose qui.

Moto tour accompagnati. Progettista e direttore dei lavori

moto-tour-off-road-passion-logoChé uno pensa: ”Eccallá: l’aria di Milano futtíu pure a Totó, che mó fa finta di spiccare l’inglisc!”. Lo so, tutta st’anglofonia è foriera d’orticaria anche per me, ma sono termini che si usano ormai correntemente, almeno quanto il famigerato “overland”. Quindi abbiate pazienza e pensate che il primo a grattarsi le braccia sono io.
Il Tour Designer è sostanzialmente quello che unisce i puntini sulle mappe basandosi sulle proprie esperienze e ricordi di viaggi precedenti, con l’obiettivo di ottimizzare distanze e tempi per un gruppo di viaggiatori eterogeneo. Il Tour Leader é quello che guida il gruppo in questione lungo il percorso stabilito nel rispetto di tempi e percorrenze ma con la flessibilitá necessaria nell’adattarlo a imprevisti ed esigenze dei partecipanti. È un po’ come essere progettista e direttore dei lavori di un edificio, e spero mi perdonerete questa deriva nella mia professione ufficiale.

moto-tour-moto-rendez-vous-logoHo studiato i primi due moto tour considerando un tempo massimo di circa due settimane, da fare con moto propria e per i quali non siano richiesti visti o carnet de passage. Chi segue queste pagine conosce la mia propensione verso tutto ció che si trovi oltre l’Adriatico e puó giá immaginare quale sia la direzione. I percorsi sono due, per ora, e in entrambe i casi si parte e si torna via traghetto per guadagnare tempo. Allo scopo di mantenere i prezzi abbordabili stiamo considerando di condurre i percorsi in questione senza mezzo di supporto e con bagaglio trasportato in autonomia dai partecipanti, anche e soprattutto perché i tour seguono strade normalmente aperte al traffico. Oltre un certo numero di partecipanti è prevista la presenza di un secondo Tour Leader in modo da garantire la qualità del servizio.

Romania e Balcani

moto tour toto le moto romania balcaniDopo lo sbarco in Grecia, il percorso inizia dalle miti campagne bulgare per giungere al cuore dei monti Carpazi, al confine con l’Ucraina, per rivedere il mare dopo aver attraversato la selva dei Balcani. Lontano dai grandi centri urbani e dalle trappole per turisti, scopriremo un mondo fatto di natura maestosa e gente semplice la cui tradizione ha lasciato tesori come monasteri dipinti e cimiteri allegri.

Un viaggio su asfalto, da fare anche in coppia, sulle piú belle strade dell’Europa dell’Est. Di questo tour ho programmato due versioni, rispettivamente da 11 e 14 giorni di viaggio effettivo. La prima punta verso il Montenegro, la seconda passa dalla Bosnia con sosta a Sarajevo e Mostar.

Turchia

Attraverso la Grecia del Nord punteremo allo stretto dei Dardanelli per raggiungere le rovine di Troia e le vestigia romane poco distanti dall’Egeo, prima di virare verso l’entroterra. Dopo aver visitato Pamukkale attraverseremo la regione dei laghi per raggiungere Konya, patria dei dervisci rotanti e successivamente la regione della Cappadocia.

Da lí punteremo per le lande desolate del Monte Nemrut per poi raggiungere i confini con l’Armenia dove sorge Ani, sua antica capitale e giro di boa del nostro tour. Dopo aver assaggiato la costa del Mar Nero torneremo tra i tornanti dell’entroterra facendo tappa in antiche cittá ottomane e monasteri. Bypasseremo Istanbul, che da sola richiederebbe almeno cinque giorni, per ripercorrere la veloce Egnatia Odos in Grecia e imbarcarci per il ritorno.

moto tour toto le moto turchia grecia nord

Perché venire con noi

Ma c’era proprio bisogno di altre proposte di moto tour al giorno d’oggi? Dipende da voi e da cosa vi aspettate da un viaggio in gruppo. Si puó intendere un viaggio in moto in tanti modi ma a mio avviso, oltre al riprendersi il proprio spazio attraverso il piacere di guidare immersi in paesaggi inconsueti e spettacolari, la cosa importante è cercare di capire quanto piú possibile i posti attraversati, assaggiare la cucina tipica che tanto dice sulla vita vera della gente, scambiare due chiacchiere in un bar lungo la strada. Per questo motivo stiamo selezionando, oltre agli inevitabili hotel pluristellati, sistemazioni che abbiano un diretto contatto con le tradizioni e le culture locali, preferibilmente in zone rurali e piccoli centri.

Ormai è da un po’ che racconto quanto visto e vissuto nei miei viaggi: mi pare arrivato il momento di portare gente con me per vedere, vivere e condividere in presa diretta esperienze che lascino qualcosa una volta rientrati a casa. Qualcosa che non sia un semplice selfie davanti a un cartello stradale o un figurante in abito tipico. Di solito per avere esperienze di questo tipo bisogna impegnarsi in prima persona nell’organizzazione e nella scelta dei percorsi, studiare a lungo prima di accendere il motore. A questo pensiamo noi: è la nostra passione, la nostra esperienza diventata lavoro.

A voi lasciamo il gusto di vedere il Mondo.

Sono in preparazione altri percorsi un po’ piú in lá che prevedano la formula Fly& Ride (aridaje), cioè volo e moto a noleggio. Ve ne daró notizia non appena pronti e anche di questi pubblicherò maggiori dettagli su una pagina dedicata. Intanto veniteci a trovare a Verona, anche solo per un saluto e per conoscere le altre proposte di Paolo, Vito e Giovanni che, con la loro esperienza pluriennale, sono ottimi punti di riferimento in questo settore discretamente affollato. Se siete interessati scrivetemi pure una mail o mandatemi un messaggio su facebook, commentate qui inbasso. Insomma fateme sapé e ditelo ai vostri amici a cui potrebbe piacere l’idea.

Ché a molti andrebbe di farsi un giro, ma per tanti motivi non si decidono mai.

Intanto peró si pone una domanda: quando si mette in piedi una cosa è giusto dargli un nome.

Questa come la chiamiamo?
Azzardiamo un TotoTrip?

Comments

comments